Chi è Khalid, la next big thing della musica mondiale

Domenica sera è stato premiato agli MTV VMA come “Best New Artist” e settimana scorsa è stato scelto da “The Sound Drop”, la piattaforma musicale di Pepsi per lanciare i nuovi talent musicali: è Khalid, cantautore americano di 19 anni che ha già sbancato Spotify (più di 298 milioni di stream) e YouTube (più di 110 milioni di views) con la sua hit “Location”, e che ha tutti i numeri e le caratteristiche per essere considerato la next big thing della musica mondiale.

GUARDA LA PERFORMANCE A RADIO BBC 1:

Khalid sarà il 12 ottobre al Fabrique di Milano, quando aprirà il concerto di Lorde (già sold-out).

Negli Stati Uniti il suo album di debutto “American Teen” (Right Hand Music Group/RCA Records) è stato pubblicato a marzo e ha subito avuto un ottimo riscontro, conquistando il #9 della 200 Billboard Chart. “American Teen” è la storia, dall’inizio alla fine, di un teenager medio americano, durante una sua giornata tipica nella high school”, racconta Khalid, “in questo periodo storico gli adolescenti devono affrontare un sacco di difficoltà, sia che abbiano problemi reali o di relazioni, ma anche semplicemente se devono affrontare la realtà. Io voglio parlarne con un linguaggio che possa colpire i ragazzi più giovani di me ma anche quelli con qualche anno in più. In fondo la high school presenta tutti i giorni le stesse situazioni ma con delle sfumature diverse”.

“Location” è proprio una canzone genuina che rispecchia il periodo in cui Khalid si stava diplomando e stava crescendo, in più in una famiglia di militari, riuscendo a diventare un inno pop del XXI secolo. “Location” oltre ad aver raggiunto numeri da capogiro su Spotify e YouTube ha ricevuto ottime recensioni da Nylon, Pigeons & Planes, Earmilk, DJ Booth ed è comparso nelle Snapchat stories di molti artisti tra cui Kylie Jenner, P. Diddy, and Rita Ora.

L’infanzia di Khalid è stata caratterizzata dai continui spostamenti a causa del lavoro nell’esercito della madre. Dopo aver vissuto per 6 anni a Heidelberg in Germania, la sua famiglia si è trasferita alla base militare di Fort Drum a Watertown, NY. In tutto questo la madre ha anche avuto una grande influenza musicale su Khalid perché cantava e suonava in casa per suo figlio pezzi di Brandy, delle SWV e delle Destiny’s Child. Crescendo lui ha iniziato a diventare fan anche di artisti come Father John Misty, Grizzly Bear, Fleet Foxes e The High Highs. Proprio questi gusti così contrastanti lo hanno spinto ad avere un atteggiamento aperto e pronto a rompere i confini dei generi. Durante l’ultimo anno della high school un nuovo cambiamento lo ha portato a trasferirsi di nuovo, questa volta a Fort Bliss, El Paso. Proprio lì nasce “Location” dove riesce a trasformare i suoi sentimenti di tristezza in meravigliose e poetiche melodie. Un ritratto valido per chiunque di ciò che significa crescere all’epoca di Instagram e Uber